L’Intelligenza artificiale, i lavori ripetitivi in estinzione, la crescita di altre opportunità per altre mansioni, a partire da quelle creative

L’intelligenza artificiale e la robotica creano un primo grande ostacolo: siamo tutti molto preoccupati. Nel ciclo storico attuale, la preoccupazione riguarda la possibilità che migliaia di umani vedano il loro posto di lavoro sparire da un giorno all’altro. Lavori di ogni genere saranno sostituiti da macchine super performanti, capaci di fare più e meglio di un essere umano. Senza stanchezza, bisogno di pause o di dormire, l’intelligenza artificiale scardinerà la nostra capacità di sopravvivere attraverso il lavoro.

Questa, tuttavia, è solo una preoccupazione – per quanto ragionevole – che non corrisponde alla realtà

Intelligenza artificiale al servizio dell’uomo

I lavori più diffusi 30 o 40 anni fa sono solo un ricordo oggi. Perchè? Perchè dove c’è stata automazione si è avuto una totale modifica del concetto di lavoro. Ma anche un suo aumento esponenziale, dovuto alla domanda nascente di altri bisogni collegati.

Infatti, il risvolto positivo insito nell’automazione è l’effettivo aumento del valore dei lavori affidabili solo all’uomo, connessi ai tratti emotivi, emozionali propri dell’umanità. In questo senso, la sfida sull’intelligenza artificiale sarà comprendere  se e quando vale la pena sostituire l’uomo con la tecnologia.

La reale differenza tra lavoro di oggi e quello di domani sarà percepita in frange specifiche di lavoro: quelli a rischio. Si tratta di tutti quei lavori ripetitivi, fisicamente dannosi o pericolosi, burocratici che minacciano la salute fisica e/o psicologica dei lavori. O la loro stessa vita.

I lavori basati su creatività e attività non ripetitive non corrono invece il rischio di essere eliminati. Anche se incorreranno in modifiche sensibili a più livelli. Molti posti di lavoro in effetti si trasformeranno. Le tecnologie – per quanto innovative – avranno sempre bisogno della supervisione di un essere umano; questo implica che crescerà il numero di manager, nel caso specifico di AI Manager. Inoltre, l’intelligenza artificiale creerà sicuramente nuovi posti di lavoro per coloro che sono disposti ad abbracciare le nuove tecnologie.

Progresso tecnologico e intelligenza artificiale si svilupperanno immancabilmente assieme alla formazione delle persone, studenti e lavoratori. Una formazione aggiornata sulle nuove tecnologie, con nuove forme di erogazione della formazione più efficaci accompagnerà questo nuovo salto verso il futuro del lavoro.